Cosa si intende per bollino blu e chi ne avrà diritto?

L’Associazione Tedesca per l’Ambiente (DUH), in collaborazione con altre associazioni ambientaliste, ha definito quali veicoli potranno ricevere il bollino blu. Nello specifico ne avranno diritto solo i veicoli alimentati a diesel che rispetteranno i parametri previsti dalla classe Euro 6 (si tenga presente che non tutte le automobili diesel di classe Euro 6 rispettano i valori massimi previsti di biossido di azoto!) e i veicoli a benzina classe Euro 3. Ulteriori dettagli sono presenti nella seguente lista:

 

 

Classi di veicoli che hanno diritto a ricevere il Bollino Blu:

  • autovetture a benzina dotate di motore non ad iniezione diretta a partire dalla classe Euro 3
  • autovetture a benzina dotate di motore ad iniezione diretta a partire dalla classe Euro 6b
  • veicoli elettrici senza motore a combustione
  • veicoli a gas/gpl, ad es. automobili, camion e autobus a partire dalla classe Euro 3
  • automobili e veicoli commerciali leggeri diesel adattati con tecnica di nitritazione-denitritazione, purché rispettino i valori di ossidi di azoto previsti dalla classe Euro 6
  • camion e autobus diesel > 2,61 t adattati con tecnica di nitritazione-denitritazione, purché rispettino i valori di ossidi di azoto previsti dalla classe Euro 6

Motori a ciclo otto ad iniezione diretta

Tra tutti i motori a benzina, i motori a ciclo otto ad iniezione diretta rivestono un ruolo particolare.
Questa tecnologia è da tempo oggetto di aspre critiche da parte delle associazioni ambientaliste. Infatti, benché questo tipo di motore a benzina ad iniezione diretta (di norma motore turbo) consumi meno benzina rispetto agli altri motori a benzina (dotati di dispositivo di riaspirazione dei gas), emette tuttavia una grande quantità di particolato e di ossidi azoto e, pertanto, non rientra nei parametri previsti dalla classe Euro 6.
I motori ad iniezione diretta rientrano invece nella classificazione Euro 6 solo se dotati di apposito filtro, senza il quale eccedono di gran lunga i limiti di emissione previsti.
Solo i proprietari di veicoli a benzina ad iniezione diretta immatricolati a partire dal settembre 2015 hanno quindi buone possibilità di soddisfare i criteri previsti dalla classe Euro 6.
In alternativa sarebbe possibile installare un apposito filtro, ma le componenti non sono ancora disponibili. Ad esempio, la Peugeot e la Citroën hanno deciso di dotare i nuovi veicoli di tali filtri già a partire da quest’anno.
Benché i motori a benzina non ad iniezione diretta siano solitamente classificati a partire da Euro 3, dal punto di vista delle emissioni di NOx rientrano nei parametri previsti dalla classe Euro 6 e hanno pertanto diritto a ricevere il bollino blu.

Domande, risposte e informazioni in merito al Bollino Blu

Chi ha diritto a ricevere il Bollino Blu?
Chi impone l’utilizzo del Bollino Blu?
Le cause degli ossidi di azoto
Superamento dei valori limite
Motivazioni contro l’utilizzo del Bollino Blu
Alternative al Bollino Blu
I danni causati dal biossido di azoto
Gli ossidi di azoto nelle zone a tutela ambientale
Le principali cause degli ossidi di azoto
Principi giuridici e valori limite degli ossidi di azoto
Azioni legali e sentenze a favore della riduzionedegli ossidi di azoto
La politica e il problema degli ossidi di azoto
Quali altri bollini esistono in Europa?

Berlino e il Bollino Blu
Monaco e il Bollino Blu
Stoccarda e il Bollino Blu